Crea sito

B & B ITALIA - Santa Domenica Talao, Calabria


Vai ai contenuti

TERRITORIO e tradizione

SANTA DOMENICA TALAO - tra mare e monti

Chi desidera fuggire dal caos della vita cittadina e rifugiarsi in un luogo tranquillo per immergersi nella natura e nei ritmi quotidiani di un piccolo borgo di Calabria, per ritrovare l’armonia del corpo e dello spirito non può che scegliere Santa Domenica Talao, paese di gente autentica con un alto senso dell’ospitalità e dell’accoglienza.

Posta in posizione collinare di fronte alla costa tirrenica ed alla Riviera dei Cedri, è considerata la porta del Parco del Pollino - versante calabro.
Per la sua posizione geografica e strategica ed il bel clima non può non entrare nell’itinerario dei turisti che scelgono la Calabria e questa terra in cui le montagne del Pollino ed il mare si fondono con le antiche tradizioni gelosamente conservate e tramandate da generazione in generazione.

Santa Domenica Talao offre al visitatore uno degli spettacoli più affascinanti dell’Alto Tirreno Cosentino.
I segni della storia e del patrimonio culturale vi si possono leggere e percepire percorrendo a piedi il centro storico dove si possono ammirare gli splendidi portali in pietra realizzati nel passato da abili maestri scalpellini locali.

In questa località nell'alto medioevo i monaci Basiliani edificarono cenobi, luoghi di culto e molte chiese, una di queste venne dedicata a Santa Domenica da cui il paese tuttora ne porta il nome.

La chiesa parrocchiale di San Giuseppe patrono del paese, custodisce una tela del ‘600 di scuola Giordanesca raffigurante la Sacra Famiglia con il particolare delle " tre natiche del bambinello" ed una pregevole croce processionale in argento del 1741.
Negli anni successivi, per il grande territorio collinare da cui è circondato, crebbe come centro agripastorale.
Interessanti testimonianze dell’architettura del ‘700 sono alcuni palazzi nobiliari, tra cui palazzo Schiffino, palazzo La Greca, palazzo Pezzotti e palazzo Campagna, famoso per il suo maestoso portale bugnato e per la facciata ad archi con mascheroni a forma di sirene.

Il ricco folklore consente di conoscere usanze antiche e credenze popolari insieme ai suoni, ai colori, ai profumi unici ed ai gustosi prodotti della gastronomia locale tra i quali si annoverano
- primi piatti di pasta fresca: "fusiddi" (fusilli); "laghini" (tagliatelle); "rascatieddi" (gnocchi).
- secondi piatti e contorni: "pipi, patani e savuzizza" (peperoni, patate e salsiccia); "mulingiani e pipi chini" (melanzane e peperoni ripieni); "pitta china" (focaccia ripiena); "pipi abbrusculiati" (peperoni secchi); "mulingiani a' savuza" (melanzane all'aceto) affettati di salami tipici quali "savuzizza e suprissata" (salsiccia e soppressata), pancetta e capicollo.
- dolci: "pucciddatu" (ciambella di Pasqua); "turdilli"; "ciciarata"; "rose"; "buccunotti"; "pesche"; crostate con marmellate o frutta fresca.

Dalla bella piazza Italia nel centro storico, si gode un panorama veramente pregevole ed interessante. La vista può spaziare su tutta la Riviera dei Cedri e sul Mar Tirreno e la foce del Fiume Lao fino ai ruderi di Cirella. In alcune ore del giorno quando l’aria è serena e l’orizzonte sul mare è libero dalla leggera foschia è visibile la sagoma dello Stromboli.

Facilmente raggiungibili in auto le località turistiche balneari di Scalea, San Nicola Arcella, Praia a Mare, Santa Maria del Cedro, Cirella, Diamante.
Proseguendo invece verso Mormanno percorrendo la strada provinciale, dopo circa mezzora si raggiunge Papasidero, nel cuore del Parco del Pollino, sul Fiume Lao
Qui vi è la possibilità di praticare sport fluviali quali
rafting, canoa, oppure trekking, arrampicata.
Interessante una visita alla
Grotta del Romito dove si può ammirare una delle scoperte archeologiche più importanti d’Italia, il graffito del “ Bos Primigenius “ appartenente al Paleolitico superiore, autentico capolavoro artistico di quell’era.

Da Santa Domenica Talao si raggiunge facilmente anche Orsomarso e la Valle incontaminata del
Fiume Argentino—importante riserva naturalistica, del Parco del Pollino.


HOME PAGE | FOTOGALLERY | Le camere | TARIFFE e prenotazioni | DOVE SIAMO - come raggiungerci | TERRITORIO e tradizione | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu